lunedì 23 agosto ore 21.30

LA RAGAZZA CON IL BRACCIALETTO, regia di Stéphane Demoustier

(Francia, 2019 – 96’)

Lisa ha 18 anni e un braccialetto elettronico alla caviglia. Accusata due anni prima del presunto omicidio della sua migliore amica, attende il processo a casa dei genitori. Bruno e Céline, padre e madre, la sostengono, interrogandosi su come risolvere il dramma.
Ma chi è veramente Lisa? In piedi davanti a un crimine che giura di non aver commesso, Lisa aspetta impassibile il giudizio della corte.

 

***

martedì 24 agosto ore 21.30

v.o. sott ita

Rassegna: Il Cinema ritrovato al Cinema

LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE, regia di Alfred Hitchcock

(USA, 1954 – 128’)

L’agente di polizia, John “Scottie” Fergus, durante un inseguimento sui tetti dei grattacieli di San Francisco, ha un incidente. Un suo collega, nel tentativo di salvarlo, precipita nel vuoto e muore. Questo tragico evento cambia la vita di Scottie che lascia la polizia. Un suo ex compagno di college, ricco costruttore navale, Galvin Elster, gli chiede di assumere l’incarico di vigilare su sua moglie Madeleine (Kim Novak), la quale, da qualche tempo ha degli atteggiamenti molto particolari ed è incline al suicidio. La donna crede di essere la reincarnazione della bisnonna materna, Carlotta Valdes, la quale muore suicida a 26 anni, la stessa età di Madeleine. Scottie è scettico, esitante, ma quando Elster gli mostra Madeleine rimane folgorato e accetta l’incarico.
Scottie assume le vesti di un fedele innamorato che disperatamente cerca di convincere Madeleine ad accettare il suo aiuto per guarire dalle sue ossessioni. Ma tutto il suo impegno non potrà evitare l’evolversi di incubi che vedranno Scottie in uno stato di assoluta impotenza.

 

***

mercoledì 25 agosto ore 21.30

FALLING, regia di Viggo Mortensen

(USA, 2020 – 112’)

John vive con il suo partner Eric e la loro figlia adottiva Monica nel sud della California. Suo padre, Willis, è un contadino che appartiene a un’era e a un modello familiare molto più tradizionali di quelli del figlio. Quando Willis si reca a Los Angeles per un soggiorno a tempo indeterminato con la famiglia di John in cerca di un posto dove ritirarsi in vecchiaia, i loro due mondi molto diversi si scontrano.
Il comportamento di Willis è caustico, ma anche divertente. Questo lo rende amabile agli occhi della nipote, ma si rivela troppo per John, riportando a galla vecchie ferite.
Padre e figlio affrontano gli eventi che li hanno fatti a pezzi passando dall’oscurità alla luce, dalla rabbia e dalla gelosia fino all’accettazione, alle risate e alla grazia conquistata duramente.

 

***

giovedì 26 agosto ore 21.30

NOWHERE SPECIAL, regia di Uberto Pasolini

(Gran Bretagna, 2020 – 96’)

Belfast. John è un trentaquattrenne gentile e silenzioso, che di mestiere fa il lavavetri, in giro per Belfast. La sua esistenza terrena è condannata ad esaurirsi a brevissimo termine, per colpa di un male incurabile. Nel poco tempo che gli rimane, John deve fare la cosa più importante della sua vita: trovare una famiglia per il suo bambino di quattro anni, Michael, visto che la madre li ha lasciati entrambi poco dopo la sua nascita. Mentre visitano le coppie disponibili e selezionate per l’adozione, John e Michael passano insieme la loro giornata, trasformando ogni gesto quotidiano in una memoria preziosa.

 

***

venerdì 27 agosto ore 21.30

UN FIGLIO, regia di Mehdi Barsaoui

(Tunisia/Francia, 2019 – 96’)

Tunisia, estate 2011. La vacanza nel paese meridionale termina in un disastro per Fares, Meriem e il loro figlio Aziz di 10 anni quando viene accidentalmente colpito durante un’imboscata.

 

***

sabato 28 agosto ore 21.30

NOMADLAND, regia di Chloé Zhao

(USA/Germania, 2020 – 108’)

Fern (Mc Dormand) è una donna che, dopo aver perso il lavoro ed il marito nel mezzo della Grande Recessione, decide di cominciare a vivere da nomade. È una scelta che si inserisce in una relativamente molto frequentata tradizione statunitense di persone che, per scelta o perché costretti dalle circostanze, vivono senza una dimora fissa. Così la protagonista si sposta in lungo in largo con il suo furgoncino alla ricerca di lavori stagionali, incontrando altri che, come lei, volenti o nolenti si sono dati al nomadismo. Il cast comprende numerosi attori non professionisti, veri “houseless”, il che, insieme alla trama scarna e poco costruita, contribuisce a rendere più sottile e sfumata la linea che separa film e reportage. La pellicola si è aggiudicata un gran numero di riconoscimenti tra cui spiccano la vittoria del leone d’oro per il miglior film e la vittoria di ben tre oscar: miglior regista, migliore attrice protagonista, miglior fotografia.

 

***

domenica 29 agosto ore 21.30

CITY VISIONS

 

Nella serata conclusiva dell’Arena del Cinema City Visions propone la proiezione e sonorizzazione di quattro sinfonie cittadine, una particolare tipologia di documentario sperimentale e poetico nata negli anni ’20 per raccontare la quotidianità in un modo nuovo.

Riscopriremo quattro città europee dello scorso secolo attraverso gli occhi di grandi registi: Walter Ruttmann (“Berlino, Sinfonia di una grande città” – 1927)Jean Vigo (“À propos de Nice” – 1930), André Sauvage (“Études sur Paris” – 1928) e Dziga Vertov (“L’uomo con la macchina da presa” – 1929).

Sul palco gli artisti del collettivo Soundtracks 2021 (Agnese Amico, Michele Bonifati, Francesco Brianzi, Simone Di Benedetto, Marco Fiorini, Giacomo Ganzerli, Mattia Loris Siboni, Giulio Stermieri) e il conduttore musicale, Xabier Iriondo (Afterhours).

“Soundtracks – Musica da film” è un progetto a cura di Centro musica Modena e associazione Muse, con la direzione artistica di Corrado Nuccini.